Lipunryöstö, il ruba-bandiera extreme. Parte 1

-12. Neve e ghiaccio su ogni superficie. Tempo grigio nel breve lasso di “luce”, notte nel resto delle ore. Detto in parole parole povere: Novembre in Finlandia, quando va male. Questo è il tempo ideale per attuare un gioco che in Italia conosciamo come un qualcosa per bambini da praticare durante le ore di educazione fisica a scuola, ma che qui si trasforma in un qualcosa di totalmente diverso.

IMG_9710

Premessa. Questa variante del ruba-bandiera, o lipunryöstö com’è chiamato qui, è stata completamente inventata da Klaus e 3 dei suoi amici. Tuttavia, è regolamentata da una serie ben precisa di norme, meticolosamente trascritte nero su bianco da loro stessi.

IMG_9712

Come funziona.

Il numero di giocatori non è fisso, anche se per un gioco attivo e sempre in movimento sarebbe ideale avere un numero di partecipanti compreso tra 20 e 40.

Dove si gioca?

In una foresta, ovviamente. Solitamente è giocato in una foresta divisa da un percorso di terra battuta che ha la funzione di delimitare i due campi e di essere la zona neutra o terra di nessuno. Ogni squadra avrà la propria parte di foresta. Come sceglierla? Con il vecchio metodo testa o croce.

Le squadre sono due, ognuna condotta da due capitani.

Come si sceglie un capitano?

Dipende. Il capitano deve conoscere le regole del gioco nel dettaglio e possedere qualità che gli permettono di comandare una squadra. Deve essere in grado di prendere le giuste decisioni nel minor tempo possibile. Deve avere la rara abilità di saper leggere la natura, orientarsi in essa e riconoscere nord e sud sempre, anche al buio. Deve essere qualcuno che conosce bene la sua squadra, così da poter collocare i propri giocatori al meglio secondo le loro capacità. Per tutti questi motivi non molti hanno i requisiti (e la voglia!) di esser capitani.

Una volta decisi i capitani, si iniziano a formare le squadre. In linea di massima ci sono 5 tipi di giocatori:

  1. Il capitano

  2. L’assistente del capitano

  3. Gli attaccanti

  4. I difensori

  5. Il messaggero (facoltativo)

Il ruolo del capitano è stato precedentemente spiegato nel dettaglio.

L’assistente del capitano è un potenziale capitano e, di conseguenza, deve possedere le qualità necessarie per ricoprire questo ruolo. Nel caso in cui il capitano venga catturato dalla squadra avversaria, l’assistente dovrà prendere il comando. Come tutti gli altri giocatori, sia il capitano che l’assistente del capitano parteciperanno al gioco in veste o di attaccanti o di difensori.

Gli attaccanti saranno quelli ad andare nel campo avversario e a tentare di rubare la bandiera.

I difensori dovranno difendere la parte della foresta che appartiene alla loro squadra e catturare gli infiltrati nel loro territorio. Gli avversari catturati finiranno in una parte fisica della foresta adibita a prigione. Un prigioniero è tale fino a che un componente libero della sua squadra lo libera toccandolo. La prigione è sorvegliata da un difensore. Di primo acchito sembra alquanto difficile liberarsi, ma considerate questo esempio. Nel caso in cui vi siano 10 prigionieri e una guardia, se un giocatore libero riesce a raggiungere la prigione e a toccare un prigioniero, il giocatore appena liberato può a sua volta toccare gli altri e renderli liberi. Anche in questo caso, si possono applicare diverse regole alla prigione. Per esempio, in caso di freddo estremo (quindi non prima di aver raggiunto i meno dieci! :D), i prigionieri saranno tali per un tempo che può variare dai venti ai trenta minuti, al cui termine dovranno tornare nella parte di foresta appartenente alla loro squadra.

Il messaggero non ha lo scopo di prendere la bandiera ma di infiltrarsi nella squadra avversaria, valutare la situazione e trovare indizi su dove la bandiera possa essere e trasmette tutte le informazioni acquisite al capitano.

Adesso che sappiamo le regole di questo gioco, non ci resta che scoprire perchè vale la pena imparare a giocarlo! Nel prossimo post ulteriori info e pratici consigli. Stay tuned!

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

3 Comments on Lipunryöstö, il ruba-bandiera extreme. Parte 1

  1. elliemme
    14 November 2014 at 14:09 (3 years ago)

    Oh, roba per veriduri!

  2. Thais K.
    14 November 2014 at 14:17 (3 years ago)

    Davvero!!!

1Pingbacks & Trackbacks on Lipunryöstö, il ruba-bandiera extreme. Parte 1

  1. […] prima parte di questo articolo abbiamo già considerato le regole di questo ruba-bandiera totalmente diverso da come lo conosciamo […]