May 2015 archive

Il diritto di publico accesso in Finlandia

Every man's right in FinlandEvery man's right in Finland Every man's right in FinlandIn Finlandia esiste una cosa chiamata jokamiehenoikeus che letteralmente significa “diritto di ogni essere umano”, ma che in italiano viene chiamato diritto di pubblico accesso. Questo diritto conferisce a tutti la libertà di stare in natura indisturbati, senza il bisogno di chiedere il permesso a nessuno, fatta eccezione dei giardini altrui, di piantagioni o campi coltivati. In natura è possibile camminare, fare escursioni, andare in bicicletta e persino dormire e preparare temporanei accampamenti! Inoltre, tutti sono liberi di raccogliere frutti di bosco, bacche, erbe selvatiche, funghi e rami già caduti dagli alberi. In laghi, fiumi e mare, tutti possono nuotare e pescare con canna da pesca.

Every man's right in FinlandEvery man's right in FinlandAnche in inverno, quando tutte le acque sono ghiacciate per una profondità superiore al metro (avete dubbi che il ghiaccio regga? vi do solo questo dato: in inverno nella città di Oulu, dove vivo, viene addirittura costruita una strada per macchine che collega la zona di Oulunsalo con l’isola di Hailuoto nel mare ghiacciato) vi sono attività consentite: camminare, sciare, pattinare o praticare la pesca sul ghiaccio.

Every man's right in Finland Every man's right in FinlandSi, quello che vedete è mare ghiacciato.

Continua a leggere questo articolo!

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

Every man’s right in Finland

Every man's right in FinlandEvery man's right in Finland Every man's right in FinlandIn Finland there is a thing called jokamiehenoikeus or every man’s right. This right gives everyone the freedom to be in the nature undisturbed, without the need to ask permission to anyone, except for people’s yards, plantations and fields. In the nature is possible to walk, hike, bike and even sleep and make temporary camps! It’s also possible to pick berries, wild herbs, mushrooms and branches already fallen from the trees. In lakes, rivers and seas, one can freely swim and rod fish in summer time, but also in winter, when everything is frozen, it’s possible to walk, ski, skate or ice fishing in waters.

Every man's right in Finland Every man's right in FinlandEvery man's right in Finland Every man's right in FinlandYes, what you see here is frozen sea.

Continue reading this post!

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

Sap beer

Birch sap beer

We found a recipe that went like this:

“To every Gallon of Birch-water put a quart of Honey, well stirr’d together; then boil it almost an hour with a few Cloves, and a little Limon-peel, keeping it well scumm’d. When it is sufficiently boil’d, and become cold, add to it three or four Spoonfuls of good Ale to make it work…and when the Test begins to settle, bottle it up . . .”.

It sounded quite nice and simple. Besides, we had a lot of birch sap (in this post you can read how to extract it yourself and many other curiosities!) so we tried to make it! The first time, we followed the recipe closely but it turned out too sweet. Also, some unforeseen event happened. We used normal ale beer, and at a certain point we realized that, somehow, the fermentation process didn’t really start. Then we realized that at the time the recipe was written, the ale had normally still working yeast in it. The ale we used didn’t so that’s why we had to add little bit of dry yeast that starts to work at 42° C.

Birch sap beer Birch sap beer

So then it started to ferment. The fermentation time is 10 days. You can leave it longer if your bottles are well sealed. Anyways, after 10 days the taste has already reached its maturity.

Birch sap beer

The second time we made some changes to the original recipe. We used half of the honey the recipe said, so 1/8 gallon (1 gallon amount to 4 litres). In grams, we put 100 g Finnish forest honey in the boiling sap plus 30 g of chestnut honey per litre.

The bottles we used were half a litre per each. They have to have air tight closure because, during the fermentation, the pressure will rise and the closure will have to contain it.

Birch sap beer
Continue reading this post!

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

Birra di betulla

Birch sap beerAbbiamo trovato questa ricetta che acclamava di essere antica e inglese. Certo, non possiamo esserne sicuri, comunque sia la ricetta recitava così (provo a tradurla mantenendo il linguaggio aulico):

“Per ogni gallone di acqua di betulla usa un quarto di miele, mescolato bene assieme; procedi poi bollendola per quasi un’ora con qualche chiodo di garofano, ed un po’ di buccia di limone, continuando a mescolare di tanto in tanto. Quando sarà sufficientemente bollita e sarà anche diventata fredda, aggiungi 3 o 4 cucchiai di buona Ale per farla funzionare… E quando l’esperimento inizia ad assestarsi, imbottigliala…”

Ci suonava bene e inoltre sembrava semplice da fare. In più, avevamo parecchia linfa (in questo articolo potete leggere come estrarla e tante altre curiosità!), quindi abbiamo deciso di provarla!

La prima volta abbiamo seguito l’antica ricetta inglese passo dopo passo, ma il risultato non ci ha soddisfatto perché troppo dolce. Inoltre, si è verificato un imprevisto. Abbiamo usato una normale birra Ale (ovvero le birre ad alta fermentazione, l’opposto delle lager) e ad un certo punto ci siamo accorti che la fermentazione non stava iniziando come avrebbe dovuto. Poi abbiamo realizzato che al tempo in cui la ricetta è stata scritta, le Ale contenevano del lievito ancora in azione, mentre nella maggioranza delle birre che si trovano in commercio ora il processo di fermentazione è già concluso. Quello che abbiamo fatto per riparare l’inconveniente è stato aggiungere una puntina di lievito nella bottiglia. Il lievito che abbiamo usato comincia a funzionare a 42° C.

Birch sap beer Birch sap beer

E a quel punto la birra ha cominciato a fermentare. Lasciate fermentare la vostra birra per circa 10 giorni. Ovviamente potrete lasciarla anche per un periodo di tempo più lungo, ma dopo i 10 giorni il sapore avrà già raggiunto la sua maturità.

Birch sap beer

Nel secondo tentativo abbiamo apportato delle modifiche alla ricetta originale. Abbiamo usato metà del miele indicato, quindi 1/8 di gallone. Parlando in grammi, 100 g di miele millefiori (noi abbiamo usato miele di foresta finlandese) più 30 g di miele di castagno per litro.
Le bottiglie che abbiamo usato erano da mezzo litro. Assicuratevi che abbiamo una chiusura ermetica perchè, durante la fermentazione, la pressione aumenterà notevolmente e le chiusure dovranno essere in grado di contenerla.

Birch sap beer
Continua a leggere questo articolo!

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

Linfa di betulla: come estrarla, usi e benefici

Birch sapLa betulla è l’albero nazionale finlandese per molte ragioni. Innanzitutto perché la Finlandia ne è piena. Rami e foglie di betulla vengono utilizzati nella tradizionale sauna finlandese per profumare l’ambiente. Nel passato, la sua corteccia era comunemente usata per realizzare ceste e scarpe.
E, come se non bastasse, la betulla è pure fonte di nutrimento, perché ci si può estrarre la linfa.

Quando?

Durante la primavera. Il momento migliore quassù è il mese di Aprile. Le temperature dovrebbero essere intorno ai 4 gradi sopra lo zero così che la linfa possa scorrere nell’albero liberamente e che non geli più, ma allo stesso tempo non troppo caldo per evitare che la linfa vada a male. L’albero dovrebbe essere ancora privo di foglie o germogli perché a quel punto la pianta userà tutta la linfa che ha per dar energia alle foglie per crescere.

Strumenti:

  • Trapano, al quale avrete disinfettato con accuratezza la punta che userete prima con una fiamma e poi con alcol
  • Tubo di plastica come quello da utilizzare nell’estrazione di succhi. Accertatevi che il tubo che userete sia per scopi alimentari, in modo che non rilasci nessuna sostanza dannosa. È inoltre importante che il tubo si incastri perfettamente nel foro nella pianta
  • Bottiglia/e

Come

Scegliete una betulla sana, abbastanza forte che una piccola ferita non lo urti. Anche se un foro non nuocerebbe a un albero sano, dovreste comunque ottenere il permesso dal proprietario della terra in cui l’albero è situato prima di procedere. Questo perché, a causa del foro, da esso non sarà più possibile ricavare del piallaccio per esempio.
Continua a leggere questo articolo!

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

Birch sap: properties, how to extract and use it

Birch sapBirch is the Finnish national tree, because of many reasons. For instance, there are a lot of them. Also, in the traditional Finnish sauna you would use birch branches in order to flavor the room. In the past, birch bark was used in order to make baskets or even shoes.

Well, birch is also a nourishment resource. From it you can extract birch sap.

When?

During the spring time. April usually is the best month. The degrees should be around +4 so that the sap would run inside the tree and wouldn’t be not frozen, but also it’s not too warm so that it would get spoiled. The tree shouldn’t yet have leaves or even sprouts because then the tree will need all the water it’s got to make the leaves grow.

Tools:

  • Drill. Before drilling disinfect the blade first with fire and then with alcohol.
  • Plastic tube from the juice extractor or some other tube for alimentary use. Also it’s important to check that will fit perfectly to the hole you make.
  • A bottle or more than one

How

Take a healthy & powerful tree, so that a little wound wouldn’t hurt it. Even though a hole wouldn’t hurt a healthy tree, you should get a permission from the land owner to drill the tree, because for example you cannot make anymore veneer out of it.
Continue reading this post!

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

Vellutata di asparagi

Dopo l’antipasto di asparagi, eccovi un’altra ricetta che vede l’asparago, ortaggio di stagione, come protagonista.

Asparagus leek soup Asparagus leek soupIl colore della mia vellutata tende al marrone perchè ho voluto tenere la buccia delle patate. Come sapete già, amo le patate lapponi. La loro buccia è ricca di nutrienti e molto soffice. Vengono vendute ancora sporche di terra, così che possano durare più a lungo. Nel caso non possiate trovare le patate lapponi nella vostra zona (il che mi sa di molto probabile), allora potrete sostituirle con “normali” patate. Se le sbuccerete il colore della vostra vellutata sarà più intenso e acceso della mia :)

Lapland potatoes Lapland potatoes

Continua a leggere!

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

Asparagus velvet soup

After the asparagus appetizers, here comes another recipe that sees asparagus, vegetable of season now, as the main ingredient.

Asparagus leek soup Asparagus leek soupThe color of my velvet soup has some brown in it because I wanted to keep potatoes unpeeled. As you already know, I love Lapland potatoes. Their peel is full of nutrients and very soft. They are sold uncleaned so that they could last longer. In case finding Lapland potatoes seems hard in the area you live (and that could be very probable, I guess), then don’t you worry, just use the “normal” potatoes you’ll find. If you’ll peel them, then the color of your soup will be more intense and lighter than mine :)

Lapland potatoes Lapland potatoes

Go to the recipe

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

Asparagus smoked salmon appetizers

[otw_shortcode_button href=”http://eepurl.com/bkLqkz” size=”medium” bgcolor=”#009933″ icon_type=”general foundicon-checkmark” icon_position=”left” shape=”square” border_color=”#009933″ target=”_blank”]Newsletter[/otw_shortcode_button]

Asparagus smoked salmon appetizers Asparagus smoked salmon appetizersIt’s asparagus time! I am personally in love with this vegetable. I find its taste very delicate, but at the same time unique. It’s very versatile and can be used in endless ways! And, on top of that, it’s esthetically very beautiful!

DSC_0076So, as usual, also this time I was thinking about a new recipe. I knew I wanted a fresh and light flavor. In the end, I chose to create an appetizer. Main ingredients of this recipe are asparagus, of course, basil, that gives a vernal feeling to the dish and smoked salmon, that I find perfect together with asparagus.

Asparagus smoked salmon apetizersFollowing this recipe on GialloZafferano, I prepared for the first time in my life crackers and I have to say that the result was quite satisfying both for me and Klaus!

Asparagus smoked salmon apetizersAsparagus smoked salmon apetizers

(more…)

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

Antipasto di asparagi e salmone affumicato

Asparagus smoked salmon apetizers

Asparagus smoked salmon apetizersE’ tempo di asparagi!! Personalmente amo questo ortaggio. Trovo che abbia un gusto delicato, ma allo stesso tempo unico. E’ versatile e può essere usato in una infinità di modi. E, come se non bastasse, è anche esteticamente bello!

DSC_0076Così, anche questa volta stavo pensando ad una nuova ricetta. Volevo un gusto fresco e leggero. Alla fine, ho optato per un antipasto. Gli ingredienti principali sono asparagi, ovviamente, basilico, che dona una nota primaverile ai tramezzini e salmone affumicato, che trovo si sposi perfettamente con il gusto degli asparagi.

Asparagus smoked salmon apetizersSeguendo la ricetta di GialloZafferano, ho preparato per la prima volta in vita mia dei crackers e devo dire che il risultato ha soddisfatto sia me che Klaus!

Asparagus smoked salmon apetizersAsparagus smoked salmon apetizers
Continua a leggere!

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone