April 2015 archive

Il Puuro

Puuro, Finnish porridge

Il puuro, la versione finlandese del porridge, è parte essenziale di una normale colazione scandinava. Viene preparata partendo da dei cereali, di solito l’avena (ma qui è molto usato anche un mix di avena, grano, segale e orzo), tritati o schiacciati. Qui in Finlandia si trovano comunemente in tutti i negozi e a prezzi molto abbordabili (circa 1 o 2 euro al chilo). La preparazione è davvero molto semplice, ma il risultato è una colazione sana e nutriente! (more…)

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

How to dry meat

How to dry meatHow to dry meatIn Lapland and northern Finland there is a long standing tradition of preserving meat by drying it in the dry spring air. The most traditional meat to be dried this way is naturally reindeer or moose, but you can do it very well with beef too! I used beef, (more…)

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

Come essiccare la carne

How to dry meatHow to dry meatIn Lapponia e nella parte settentrionale della Finlandia esiste l’antica tradizione perpetrata fino ad oggi di conservare la carne seccandola nell’aria fresca e secca di primavera. La carne comunemente (e più tradizionalmente usata) è ovviamente la carne di renna o alce, ma potete benissimo sostituirla con della carne bovina! (more…)

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

Borscht soup

DSC_0116

 

This recipe was born in Ukraine, but this dish is largely used in Russia too. The Russian variant includes also cabbage. By now, this borscht soup is part of Finnish culture too since Finland has been under Russian domain for a century. I’m fact, only in 1917 Finland became independent. That explains why Russian culture is part of what Finnish culture is too.

Normally, when people prepare this soup, they will make it a lot because since it cooks so slow. So don’t worry if you can’t finish it all at once! You can freeze it without problems and keep it when some “emergency” strikes, for when you won’t have 3 hours to spend in the kitchen 😀 Then, all you’ll have to do will be thawing it out.

Also in this recipe, rye bread covers an essential part, if you want to enjoy this dish in the very traditional way 😉

DSC_0115_1

Talking about the flavors of this soup, they surely are unique in their genre. It’s a strong and clear flavor, but at the same time very enjoyable. Parsley doesn’t only decorate the plate and give it the right shade of color, but also complete the savor. Finally, borscht soup cannot be served without smetana, crème frâiche or, more simply called, sour cream.

Here in Finland you can easily find pickle beetroots. If you are not able to find them where you live, don’t despair! Use the beetroots that you find (peel them if fresh) and substitute the beetroot vinegar with 200 ml of apple vinegar.

DSC_0109 DSC_0119 (more…)

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

Zuppa di barbabietole

DSC_0116

L’origine di questa ricetta è ucraina, ma questo piatto è largamente consumato anche in Russia. La variante russa di questa zuppa prevede l’aggiunta del cavolo. Questa ricetta è ormai parte della tradizione culinaria finlandese dato che la Finlandia è stata sotto dominio russo per più di un centenario. Solo nel 1917, infatti, ha acquisito l’indipendenza. Va da sé che un po’ della cultura russa faccia parte di ciò che la stessa Finlandia è.

Normalmente, quando si prepara questa zuppa, dato il lungo tempo di cottura, non se ne prepara mai per una sola volta. Quindi non vi preoccupate se non la finite in una volta sola! Potete tranquillamente congelarla e conservarla come “cibo di riserva” per momenti in cui non avrete 3 ore da spendere in cucina 😀

Anche in questo caso, il pane di segale non può mancare per godersi questa pietanza fino in fondo 😉 DSC_0115_1Parlando del sapore di questa zuppa, è sicuramente unico nel suo genere. E’ un sapore deciso e inconfondibile, ma allo stesso tempo molto gradevole. Il prezzemolo come tocco finale non solo dà la nota di colore e contrasto giusto, ma anche completa il piatto. Infine, la nostra zuppa di barbabietole non può essere servita senza smetana, crème fraîche o, detto più semplicemente, della panna acida.

Qui in Finlandia le barbabietole sono anche vendute sott’aceto. In caso non le trovaste, usate tranquillamente le barbabietole sotto vuoto o in qualunque forma vengano vendute (se fresche, sbucciatele) e sostituite l’aceto di barbabietola con 200 ml di aceto di mele.

DSC_0109 DSC_0119

(more…)

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone

1 2 3